“L’Ultimo miracolo” e “Futuro prossimo”: l’Università di Cagliari sbarca a Venezia

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Sono ben due i cortometraggi degli studenti dell’Università di Cagliari selezionati per la Mostra internazionale del Cinema di Venezia: “L’Ultimo miracolo” di Enrico Pau, e “Futuro Prossimo” di Salvatore Mereu

L’Ultimo miracolo“, nato come saggio finale di un laboratorio di regia svoltosi all’Università di Cagliari per iniziativa del Centro di ricerca sulla formazione agli audiovisivi del Dipartimento di Storia, Beni Culturali e Territorio (CELCAM) diretto da Antioco Floris, il nuovo film di Enrico Pau, sarà presentato a settembre in prima assoluta alla 74a Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica in programma a Venezia dal 30 agosto al 9 settembre prossimi come evento speciale della 32a Settimana Internazionale della Critica, sezione SIC@SIC – Short Italian Cinema. L’importante riconoscimento è stato annunciato giovedì 20 luglio 2017.

Gli studenti hanno lavorato fianco a fianco al regista e alla troupe di professionisti per elaborare la sceneggiatura, supportare nelle riprese e nella produzione, gestire gli aspetti organizzativi. Un’occasione formativa in un prodotto di alta qualità come il riconoscimento veneziano ben dimostra. Accanto al CELCAM, nella produzione e gestione del progetto, il circolo studentesco Notorius e la casa di produzione Francesco Piras Studio. Al sostegno dei costi di produzione hanno concorso inoltre la Regione Autonoma della Sardegna. Assessorato della Pubblica Istruzione, Beni culturali, Informazione spettacolo e Sport, con i fondi per la didattica del cinema (LR 15/2006) e l’ERSU di Cagliari con i fondi per le associazioni studentesche.

Cristo, rimasto sulla terra dopo la resurrezione, vaga per Cagliari: ormai vecchio e cadente ha dimenticato come si fanno i miracoli

«Nato come progetto didattico all’Università di Cagliari, L’Ultimo Miracolo – dichiara il regista – è ispirato liberamente a una favola popolare siciliana. Con questo cortometraggio torno a raccontare una favola urbana, torno nelle periferie della mia città, ritorno al rumore del mare, alla mia passione per la musica e a quella, profonda, per gli ultimi e i dimenticati».

Il cortometraggio, della durata di 20 minuti, racconta la storia di un Cristo rimasto sulla terra dopo la resurrezione, che ormai vecchio e cadente ha dimenticato come si fanno i miracoli. L’incontro casuale con un giovane e talentuoso fischiettista che non riesce più ad essere intonato, lo porterà a voler riprendere. Cerca così di camminare sulle acque ma senza riuscirci, allora, con Pietro, che lo segue ovunque per una Cagliari assolata e sospesa, decide di prendere i soldi dalla cassetta delle offerte di una chiesa per affidarsi ai miracoli a pagamento di un ciarlatano. L’ultimo miracolo avverrà davanti al mare, dentro una grotta, in mezzo alla natura, il fischio tornerà intonato.

Regia: Enrico Pau; sceneggiatura: Giovanni Marceddu, Enrico Pau, Simona Loddo, Michele Carta, Andrea Perra, Gianluca Caboni; fotografia: Francesco Piras; montaggio: Andrea Lotta; Musiche: Alessio Medda, Luca Spanu; produttori: Antioco Floris, Francesco Piras; scenografia: Francesca Melis, Pietro Rais; costumi: Stefania Grilli; fonico di presa diretta: Piero Fancellu; aiuto regia e direttore di produzione: Roberta Aloisio; sound design: Stefano Guzzetti.

Questi i nomi degli studenti che hanno partecipato al laboratorio e al cortometraggio: Alessio Cadeddu, Andrea Perra, Andrea Staffa, Carlo Murtas, Gianluca Caboni, Giorgio Borrelli, Marco Camba, Michele Carta, Riccardo Soro, Simona Ledda, Simona Loddo, Stefano Savona, Roberta Vinci.

NEWS UNICA – ULTIMO MIRACOLO

L’Università di Cagliari con il cortometraggio Futuro prossimo di Salvatore Mereu raddoppia la sua presenza a La Biennale di Venezia

Il film del regista nuorese è infatti stato selezionato nella sezione Orizzonti della Mostra dove verrà presentato in prima assoluta nel prossimo mese di settembre.

Prodotto in collaborazione con la Viacolvento nell’ambito delle attività formative del Master per Filmmaker promosso dalle Università di Cagliari e Sassari e gestito dal CELCAM del Dipartimento di Storia, Beni culturali e territorio di Cagliari, con il supporto della Regione Autonoma della Sardegna: Assessorato della pubblica istruzione, beni culturali, Informazione, spettacolo e sport, il cortometraggio è frutto di un processo formativo elaborato negli anni in cui le competenze di natura accademica sono coniugate con chi lavora sul campo e conducono alla realizzazione di prodotti professionali di alta qualità.

Sinergie, scambi e interazioni per offrire ai giovani interessati a crescere nel campo degli audiovisivi un luogo formativo fertile e creativo capace di garantire risultati di sicuro interesse

In alto Antioco Floris ed Enrico Pau, in basso Salvatore Mereu

Il contesto produttivo in cui sono nati questi film fornisce un ottimo esempio di quelle che vengono chiamate buone pratiche in quanto coniuga le competenze accademiche dei due Atenei sardi (Lucia Cardone e Antioco Floris) con quelle di alcune realtà professionali del territorio (due registi del calibro di Salvatore Mereu ed Enrico Pau, le case di produzione Viacolvento e quella di Francesco Piras, gli operatori Andrea Lotta, Roberta Aloisio, Piero Fancellu, Stefania Grilli, Sandro Chessa, Rossana Patricelli, Pietro Rais, Simone Murru, Micaela Cauterucci per citarne alcuni) nel quadro degli interventi istituzionali della Regione Sardegna. 

NEWS UNICA – FUTURO PROSSIMO

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Comments

comments

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi