STAR WARS, IL RISVEGLIO DELLA FORZA

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

La recensione spoiler-free del nuovo capitolo della saga.

A trentadue anni dal Ritorno dello Jedi e a dieci dalla conclusione della trilogia dei prequel, Star Wars torna in vita, e lo fa sotto la direzione di J.J. Abrams (Fringe, Lost, Star Trek).

Le aspettative per questo film erano tante, così come lo scetticismo, soprattutto dopo che la seconda trilogia è stata stroncata da gran parte della critica, in particolare per i primi due capitoli; tuttavia, la maggior parte dei fan ha voluto dare una chance a questo nuovo capitolo di Guerre Stellari, e a conti fatti, ha avuto ragione.

Dopo un avvio un po’ lento, a causa della necessità di presentare i nuovi personaggi e di farli amalgamare al meglio coi volti già conosciuti, il film cresce di intensità, in un climax che raggiunge il suo culmine con un colpo di scena clamoroso. Chi riuscirà ad a evitare i fastidiosi spoiler che qualche simpaticone ha pensato di mettere in giro, salterà sicuramente dalla sedia.

I minuti finali non contengono nemmeno una battuta, ma ciò che si vede sullo schermo basta a togliere il fiato allo spettatore, creando una massiccia dose di hype per il secondo film, che uscirà nelle sale nel 2017.

Tra gli aspetti poco convincenti, attualmente, ci sono i cattivi, un po’ troppo isterici e frettolosi.

Per chi era abituato alla calma di Palpatine, al cinismo di Darth Vader e allo sprezzante umorismo del Conte Dooku, i nuovi rappresentanti del Lato Oscuro sembrano poca cosa, ma è probabile che nei prossimi film giungano anche loro alla maturazione.

Rimandato alla prossima pellicola anche uno dei due protagonisti, Finn, per il momento troppo teenager/yankee per essere preso sul serio. Rey, venditrice di rottami dall’oscuro passato, è invece l’eroina perfetta per questa nuova saga. Completa il quadro dei nuovi arrivati Poe Dameron, miglior pilota della galassia e padrone del droide BB8, autore di poche, ma ottime battute.

Non mancano, ovviamente, i protagonisti della prima trilogia di Star Wars, che appaiono in splendida forma nonostante l’età che avanza.

L’umorismo travolgente di Han Solo è rimasto intatto e le sue frasi a effetto smorzano più volte la tensione. Leia è rimasta la ragazza forte, ma allo stesso tempo dolce che ha fatto innamorare migliaia di fan. Nonostante le tante citazioni dei capitoli precedenti della saga, il fan service non è mai invasivo. La convivenza tra il vecchio e il nuovo è armoniosa, non forzata. I protagonisti attuali non vengono messi in ombra dalle vecchie glorie e agiscono in concerto con loro per regalarci la migliore delle storie.

E Luke? Che fine ha fatto Luke Skywalker, che non compare nei poster promozionali e nei trailer, nonostante faccia parte del cast? Abrams è stato magistrale a tenere nascosto il suo ruolo, che viene rivelato solamente all’interno del film, quindi… scopritelo voi!

Insomma, non esistono motivi per non andare a vedere Il Risveglio della Forza.  Questo film è capace di ridare lustro alla saga di Star Wars e a farci vivere una nuova, brillante storia. Complimenti, J. J. Abrams!

 

https://www.facebook.com/StarWars.it/?fref=ts

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Comments

comments

Alessandro Bogazzi

“A doppia superbia, doppia caduta”

alessandro-bogazzi has 95 posts and counting.See all posts by alessandro-bogazzi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi