SAN SALVATORE SPRECA, LA VIRTUS CEDE

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

San Salvatore domina i primi tre quarti, ma spreca tutto nell’ultimo quarto

Sabato amaro per il San Salvatore, che dopo aver imposto il proprio gioco contro Fassi Albino ha subito una grande rimonta. Una sconfitta casalinga che brucia, anche perché si è trattato di uno scontro diretto. La sfida col CUS, in programma sabato prossimo, rivestirà quindi un’importanza ancora maggiore.

Selargius parte bene, grazie alla ditta Arioli-Ljubenovic, e chiude il primo quarto sul +5. Nella seconda frazione la squadra di casa dilaga, con Russo e De Pasquale incontenibili. Si sente già l’odore della vittoria, ma Fassi Albino non molla e fa di tutto per limitare i danni, con Pakovski sempre difficile da marcare.

Nel terzo quarto si arriva addirittura sul +16, ma poi parte la rimonta, con Silva che si trasforma in un autentico cecchino da tre punti. Gagliano riesce, tra punti e rimbalzi, a contenere le rivali e permette al San Salvatore di chiudere sul +8. L’ultima frazione, però, si trasforma in un autentico incubo: la squadra di casa rimane a secco per circa otto minuti, mentre le bombe dalla distanza di Marulli creano i presupposti per il sorpasso. L’unico canestro è una tripla di Gagliano, che le vale ancora una volta la doppia cifra, ma il parziale è di 19 a 3 per Fassi Albino.

San Salvatore Selargius – Fassi Albino 56-64 (20-15, 40-26, 53-45)

San Salvatore Selargius: Arioli Cinzia 17, Gagliano Delia 10, Ljubenovic Ana 7, De Pasquale Ada 7, Russo Francesca Romana 7, Laccorte Michela 5, Lussu Anna, Mura Francesca, Pinna Denise, Palmas Laura, Lai Giulia

Fassi Albino: Silva Elisa 17, Packovski Lana 17, Marulli Selene 13, Devincenzi Simona 8, Lussana Chiara 2, Valente Emanuela 2, Birolini Michela, Vincenzi Giulia, Panseri Alessia

La Virtus si arrende dopo due ottimi quarti

La Virtus è riuscita a contrastare una valida avversaria, ma solamente nei primi due quarti. Il divario tecnico si è fatto sentire in particolare negli ultimi minuti, dove la squadra cagliaritana ha dovuto cedere il passo.

Partita equilibrata sin dai primi minuti. Nella Virtus spicca subito Gomes Da Silva, mentre Longoni trascina Masnaga. Ottime prestazioni anche da parte di Templari e Sarni da una parte, Baldelli e Visconti dall’altra. Dopo un primo quarto di assoluta parità, Costa Masnaga chiude la seconda frazione in vantaggio di tre punti.

La squadra di casa prende il largo all’inizio del terzo quarto, con Longoni sempre incontenibile, e il vantaggio cresce fino a +12. Nell’ultimo quarto, Templari mette a segno una tripla, ma Costa Masnaga aumenta il gap, e per la Virtus non c’è niente da fare.

B&P Autoricambi Costa Masnaga – Virtus Cagliari 84-65 (18-18, 42-39, 64-52)

B&P Autoricambi Costa Masnaga: Longoni Michela 23, Baldelli Valentina 20, Visconti Alessandra 12, Maiorano Masha 8, Rulli Giulia 8, Tibe’ Angelica 6, Misto’ Francesca 5, Meroni Laura 2, Fontana Emma, Tagliabue Lara, Del Pero Beatrice, Frigerio Gaia

Virtus Cagliari: Gomes Da Silva Lavinia Joao 20, Templari Elisa 20, Sarni Silvia 15, Rossi Chiara 6, Ridolfi Giulia 2, Mura Valentina 2, Vargiu Marta, Mastio Beatrice, Mancini Matilde, Pellegrini Bettoli Laura

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Comments

comments

Alessandro Bogazzi

"A doppia superbia, doppia caduta"

alessandro-bogazzi has 95 posts and counting.See all posts by alessandro-bogazzi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi