David Bowie ci ha lasciato: Addio Duca Bianco

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

David Bowie si è spento a 69 anni, tre giorni dopo l’uscita del suo ultimo album.

Il 2016 si apre nello stesso modo in cui si è concluso l’anno precedente: con un grave lutto nel mondo della musica. Proprio ieri abbiamo detto definitivamente addio a Lemmy, con un funerale sontuoso al quale hanno partecipato, tra gli altri, Ozzy Osbourne, Gene Simmons e il wrestler Triple H, e oggi ci ritroviamo qui a piangere la scomparsa di David Bowie, il quale, proprio come lo storico cantante dei Mothörhead, non è riuscito a vincere la battaglia contro il cancro.

David Bowie, il Duca Bianco, al secolo David Robert Jones, ci ha lasciato all’età di 69 anni, tre giorni dopo la pubblicazione del suo ultimo album, Blackstar, nel quale ha deciso di sperimentare il genere del free jazz.

Un artista eclettico, che dagli anni ’60 a oggi è passato con eccellente disinvoltura dal rock alla musica elettronica, passando per un’infinità di generi, inventandone alcuni, come il glam, e distinguendosi per uno stile unico e inimitabile. Tante le canzoni da ricordare, come Space Oddity, Life On Mars?, Heroes e The Man Who Sold The World, che ha vissuto una seconda giovinezza quando è stata grazie alla cover realizzata dai Nirvana nell’Unplugged del 1994, ma che l’anno scorso è arrivata alle orecchie dei giovanissimi per via del suo inserimento nella colonna sonora di Metal Gear Solid V: The Phantom Pain.

La personalità di Bowie rifletteva in pieno il suo modo di fare musica: il look eccentrico e mai ripetitivo e l’uso smodato di alter ego (Ziggy Stardust, Halloween Jack, Nathan Adler, il Duca Bianco) lo hanno trasformato in un’icona in grado rimanere sulla cresta dell’onda per più di cinquant’anni. Bowie, inserito dalla rivista Rolling Stone al 23esimo posto nella lista dei 100 migliori cantanti di tutti i tempi, ha nel suo invidiabile curriculum anche diverse apparizioni cinematografiche, tra le quali segnalo L’Uomo che cadde sulla terra, Labyrinth, Basquiat, dove ha interpretato Andy Wharol, e Zoolander, film cult con Owen Wilson e Ben Stiller di cui uscirà a breve un seguito. Sarà impossibile non sentire la mancanza di questo camaleontico artista, che nonostante l’età avanzata, sembrava avere ancora molto da dare al mondo della musica. Che il Duca Bianco possa riposare in pace…

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Comments

comments

Alessandro Bogazzi

"A doppia superbia, doppia caduta"

alessandro-bogazzi has 95 posts and counting.See all posts by alessandro-bogazzi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi