CAGLIARI: SBARCATI 900 MIGRANTI. VERRANNO DISTRIBUITI IN TUTTA LA SARDEGNA

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Sono 900 migranti, stanchi e provati. A bordo anche un morto

Arrivano da Marocco, Nigeria, Senegal ma soprattutto dal Bangladesh. Si tratta di 908 migranti: 740 uomini, 102 donne di cui 8 in gravidanza e 58 minori. A bordo anche un cadavere, inviato al Policlinico universitario di Monserrato per un’eventuale autopsia. Sono stati salvati in mare da una nave mercantile norvegese, la Siem Pilot.

La Prefettura di Cagliari ha organizzato l’accoglienza in tempi rapidi, predisponendo lo sbarco sul Molo Ichnusa, mentre la Caritas ha distribuito ai migranti dei kit d’accoglienza che includono vestiti e indumenti vari.

La Caritas in prima linea

Secondo Marco Lai, direttore della Caritas di Cagliari, è ciò che possono fare per cercare «di rendere loro l’arrivo più confortevole. Lavoriamo per accoglierli al meglio, molti sono sofferenti».

Per Filippo Spanu si tratta di «uno sbarco particolarmente delicato. Tanti migranti non stanno bene a causa del lungo viaggio[..]la Sardegna continua a fare la sua parte per l’accoglienza. Bisogna incrementare gli Sprar, al momento ci sono 66 Comuni».

I migranti verranno distribuiti per tutto il territorio sardo ma circa 420 rimarranno nelle strutture della provincia di Cagliari. Gli altri verranno distribuiti tra Sassari, Nuoro e Oristano.

Perché questo possa accadere rapidamente, gli agenti della Scientifica della Polizia stanno procedendo forsennatamente alle operazioni di identificazione. Circa 450 persone hanno dormito nel terminal questa notte, e lo scopo della Polizia è proprio quello di evitare ai migranti un’altra nottata simile.

Mauro Pili denuncia l’irresponsabilità del Ministero


Appare invece molto contrariato Mauro Pili, deputato di Unidos, da sempre contrario all’accoglienza dei flussi migratori. «Un ministero di irresponsabili che ha deciso di trasformare la Sardegna in un hub per lo sbarco di immigrati. L’ennesimo sbarco costituisce un ulteriore schiaffo per sindaci, forze dell’ordine che non riescono più a controllare tensioni ovunque». E continua: «Questo nuovo arrivo conferma la totale incapacità della regione di gestire i rapporti con il governo nazionale. Un governo che scaraventa sulla Sardegna la propria arroganza senza nessun tipo di reazione da parte di Pigliaru e compagni».

Parole dure, che potrebbero trovare un feroce seguito se gli sbarchi proseguissero, con grosse difficoltà per il sistema di accoglienza sardo. Infatti, secondo il vice prefetto Carolina Bellantoni, lo sbarco è avvenuto senza problemi ma non si escludono eventuali nuovi arrivi. In quel caso, dichiara, «faremo di tutto» per far fronte all’emergenza.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Comments

comments

Vincenzo Milia

“Libertà vuol dire veramente qualcosa, significa avere il diritto di dire alla gente quello che la gente non vuole sentire”

vincenzo-milia has 52 posts and counting.See all posts by vincenzo-milia

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi